Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Purple Color

Una ricerca, pubblicata su Frontiers in Nutrition, ha concluso che le strategie di marketing basate sul gusto potrebbero rivelarsi il modo più efficace per promuovere cibi a base di insetti. Secondo i ricercatori ci si dovrebbe concentrare sulla promozione degli insetti come "gustosi", "lussuosi" o "prelibatezze esotiche" per cambiare l'atteggiamento verso gli alimenti che contengono proteine derivanti dagli insetti.
 
L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura sostiene argomenti relativi agli insetti commestibili dal 2003. L'agenzia sottolinea che il consumo di insetti può essere associato a benefici per la salute e l'ambiente. Gli insetti commestibili contengono proteine, vitamine e amminoacidi di alta qualità. Sono ricchi di fibre, rappresentano una buona fonte di grassi sani come gli omega-3 e sono ricchi di nutrienti come calcio, ferro, vitamine del gruppo B, selenio e zinco. La FAO stima che i grilli abbiano bisogno di sei volte meno mangime dei bovini, quattro volte meno degli ovini e la metà dei maiali e dei polli da carne per produrre la stessa quantità di proteine.
 
Tuttavia, secondo i ricercatori, molte persone sono "diffidenti" o "disgustate" al pensiero del cibo a base di insetti. Ma, molte di queste stesse persone mangiano aragoste o gamberi anche se il loro aspetto è simile a quello di un insetto. I ricercatori hanno dunque indagato i fattori che influenzano gli atteggiamenti nei confronti del cibo a base di insetti.
 
Hanno chiesto a membri del pubblico di Colonia, in Germania, di partecipare allo studio. In primo luogo, i partecipanti hanno visualizzato un annuncio pubblicitario per un'azienda che offre cibo a base di insetti. Il team di ricerca ha scoperto che le pubblicità che promuovevano benefici per la salute e l'ambiente erano "significativamente meno efficaci" di quelle che promuovevano aspetti piacevoli del cibo. 
 
I risultati del team suggeriscono che le future campagne di marketing dovrebbero ritrarre il cibo a base di insetti come "delizioso, alla moda o addirittura lussuoso" se vogliono cambiare efficacemente le abitudini alimentari delle persone. 
 

Fino agli anni ‘90 il consumo degli alcolici in Cina era principalmente associato a occasioni sociali o cene di lavoro. Ma oggi si è andata a diffondersi anche nel Paese di Mezzo una vera cultura del bere. Tanti i marchi internazionali approdati nel mercato cinese ragione per il quale gli esperti ritengono che il mercato delle bevande alcoliche sarà più diversificato e competitivo in Cina.

Il tutto grazie al cross-border e-commerce.  Secondo gli analisti, il passaggio alle piattaforme digitali cambierà profondamente il mercato delle bevande alcoliche, introducendo un vasto numero di marchi e concepts che non dipenderanno dalle grandi catene di vendita al dettaglio.

Un maggiore potere d’acquisto della classe media sia nelle top-tier che nelle lower-tier del Dragone, unito a dei sostanziali cambiamenti nello stile di vita dei consumatori, ha infatti permesso a molti l’accesso a vini e liquori stranieri.  Basti pensare che il consumo di whisky o cognac, ha visto un’inaspettata crescita della domanda nell’ultimo anno.

Il whisky si è rivelato estremamente popolare a Shanghai con circa 6,85 milioni di litri, per un valore di 59 milioni di dollari, consumati in città durante l’ultimo periodo, molto più avanti rispetto a Pechino, o alle province del Guangdong, e Fujian.

Il marchio francese di cognac Rémy Martin celebra la cultura del cognac e della musica attraverso una serie di film. Con la serie "Ground’s Melody", 6LACK (pronunciato "black"), che è il regista scelto dalla casa di cognac, rivela come la musica sia fortemente influenzata dalle città e dalle comunità in cui è stata creata, in modo simile alla produzione del cognac. Il primo episodio è incentrato sulla città natale di 6LACK, Atlanta.
 
6LACK spiega come l'energia della città proviene dall'interno dei suoi abitanti. Proveniente dalla comunità, una ricca storia musicale continua a caricare la città. Grandi artisti del passato e quelli che inseguono i loro sogni oggi, hanno viaggiato a Los Angeles da tutto il mondo, ognuno con una dedizione e una perseveranza simili per perfezionare il loro mestiere.
 
Sia nella creazione di musica che nella produzione di Cognac, c'è un'ammirazione per le comunità che promuovono una cultura di eccellenza. Per la musica, l'ispirazione è presa dal ritmo di una città, un quartiere o un territorio: ognuno di questi porta il cuore e l'anima di chi ci vive.
 
Rémy Martin produce i suoi liquori solo a Cognac, in Francia, rendendolo unico per qualità e artigianato. Questo terreno fisico che ha coltivato l'eredità e lo spirito di Rémy Martin è la ragione per cui la casa del cognac si trova saldamente dietro il suo territorio.
 
Non è la prima volta che Rémy Martin ha celebrato la musica che unisce le persone. Ad esempio, la serie Rémy Producers ha onorato l'esplorazione di nuovi suoni da artisti di livello locale e ha creato una nuova piattaforma per produttori musicali e DJ.
 

Dici Tignanello e subito si accendono i sensi: la mente attraversa le vaste campagne toscane, baciate dal sole che risplende sugli acini d’uva; il palato sembra già avvertire i sentori di un gusto ricco e armonioso di uno dei vini che, ormai da 50 anni, ha fatto e fa la storia del settore enologico italiano.

Prodotto per la prima volta nel 1970 da Piero Antinori, il Tignanello nasce nella tenuta omonima che si sviluppa a San Casciano in Val di Pesa (Firenze).
Agli albori questo vino presentava la caratteristica di comprendere anche uva Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc, venendo invecchiato in barrique. Una svolta storica per l’enologia toscana, che usciva così dallo schema, stabilito da Bettino Ricasoli, del vino Chianti Classico DOCG.

Dal 1975, però, la lavorazione subì un altro cambio; forse quello decisivo. L'uva bianca venne totalmente rimossa, lasciando la composizione odierna: 80% Sangiovese, 15% Cabernet Sauvignon e 5% Cabernet Franc.

Una formula quasi magica, capace di stupire ed ammaliare i palati di appassionati e cultori da tutto il mondo. Ultimi, ma solo in ordine di tempo, l’ormai ex Principe Harry e Meghan Markle.
Il distacco dalla Casa Reale, sorseggiando un calice di Tignanello, potrebbe essere meno duro.

 

I marchi di vini e liquori di lusso di Moët Hennessy USA e l'attrice, produttrice e CEO pluripremiata Tracee Ellis Ross, Grammy Il DJ e produttore nominato Steve Aoki e l'attore Darren Criss, insieme, faranno il loro debutto con The New Year's Eve WISH-SHOP, una destinazione online.
 
Per l'industria che ha subito perdite devastanti quest'anno, Moet Hennessy effettuerà una donazione di 100.000 dollari alla National Restaurant Association Educational Foundation (NRAEF) attraverso la campagna Wish-Shop. 
 
Il WISH-SHOP è uno sportello unico per celebrare tutti i momenti delle vacanze che portano a questo capodanno senza precedenti a casa. Le persone avranno l'opportunità di rallegrare le loro celebrazioni con offerte speciali, vincere esperienze indimenticabili di artisti famosi e aiutare i lavoratori del ristorante facendo una donazione.
 
I marchi Moët Hennessy hanno unito le forze per creare abbinamenti personalizzati di bottiglie e cocktail per completare i molti momenti che compongono l'occasione di Capodanno, dai cocktail e la cena al conto alla rovescia e al brunch di Capodanno. 
 
Chad Stubbs, Senior Vice President of Marketing di Moet Hennessy LVMH, ha commentato: «È stato un anno davvero difficile per tutti e siamo tutti pronti a salutarci. Mentre guardiamo alle festività natalizie e allo stato della pandemia, è chiaro che questo sarà un Capodanno a casa. La nostra speranza è che con il WISH-SHOP, possiamo fare queste celebrazioni a casa un po’ più speciali».
 

Gucci Osteria sbarca a Tokyo. Il ristorante italiano contemporaneo, creato da Massimo Bottura con il marchio di moda del lusso, aprirà i battenti a Ginza nel 2021.

Situata all’ultimo piano di Gucci Namiki, l’Osteria di Tokyo sarà curata dallo chef tre stelle Michelin Massimo Bottura in collaborazione con Karime Lòpez. Il ristorante sarà il terzo fiore all’occhiello per Gucci Osteria, che ha aperto a gennaio 2018 al Gucci Garden di Firenze ed a Beverly Hills nel febbraio 2020.

Gucci Osteria sono una serie di ristoranti contemporanei che condividono gli stessi valori e principi. Catturando l’energia giovanile incarnata nella Maison Gucci e la filosofia dello chef Massimo Bottura, Gucci Osteria è sempre contemporanea nel suo presente, ma è sempre proiettata verso il futuro.