Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

La Lega Navale Italiana, dal 21 al 26 settembre, sarà presente al 63° Salone Nautico di Genova con due stand espositivi e un ampio calendario di eventi. 

I visitatori avranno l’opportunità di scoprire tutte le attività della Lega Navale Italiana, una delle più antiche istituzioni che si occupano di mare in Italia. Da 126 anni, infatti, l’associazione opera nell’ambito della diffusione della cultura marittima e delle tradizioni marinaresche, della formazione nautica, degli sport acquatici, della protezione ambientale e dell’inclusione sociale, con particolare attenzione ai giovani, alle persone con disabilità e in condizione di svantaggio sociale ed economico. 

Nello stand istituzionale (TY35 - Tech Trade - Padiglione B Superiore - Accessori) e in quello dedicato agli eventi (LQ54 - Servizi Nautici) saranno presenti il personale della Presidenza Nazionale e i soci della LNI, che forniranno le informazioni al pubblico e accompagneranno giovani e adulti alla scoperta delle Hansa 303, del simulatore di vela, del remoergometro e del banco dei nodi. Visitando le aree espositive della Lega Navale, il visitatore potrà conoscere da vicino le possibilità offerte dall’associazione per consentire a tutti di avvicinarsi al mare e alle acque interne in una delle 256 strutture periferiche presenti su tutto il territorio nazionale. 

Tra le novità introdotte quest’anno, sarà possibile tesserarsi per la prima volta alla Lega Navale Italiana direttamente presso lo stand istituzionale TY35 ed unirsi al sodalizio che conta oltre 55.000 soci. Nelle giornate del Salone Nautico, inoltre, l’associazione organizza una serie di eventi allo stand LQ54.

Si inizia venerdì 22 settembre, alle ore 10.30, con l’iniziativa educativo solidale “Sail the Children, navigare in un mare d’inclusione” del disegnatore e velista Davide Besana, supportata dalla Lega Navale Italiana e realizzata in favore dei minori seguiti nei Punti Luce di Save The Children Italia. L’incontro, moderato dalla giornalista Maria Cristina Sabatini, vedrà la partecipazione dello stesso Besana insieme all’ammiraglio Donato Marzano, Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana e Matteo Delmonte, Coordinatore della Strategia di Innovazione Sociale di Save The Children Italia. 

Lo stesso giorno, alle ore 12, il Presidente di Cardioteam Foundation Onlus, il cardiochirurgo e velista Marco Diena e l’ammiraglio Donato Marzano parleranno del progetto di prevenzione cardiologica e vela solidale “Una vela per il cuore. La prevenzione, un porto sicuro”. L’iniziativa, promossa da Cardioteam Foundation Onlus in collaborazione con la Lega Navale italiana, toccherà quasi 30 porti, da Genova a Trieste, nel corso di un anno di campagna condotta a bordo di Dulcinea, una barca attrezzata di un ecocardiogramma per effettuare screening gratuiti nelle diverse tappe. 

Venerdì pomeriggio, alle ore 15, si terrà l’evento “Scuola per il diporto. Una scuola che non c’era”, con la presentazione della prima scuola pubblica di formazione dedicata alla professioni per il diporto, nata dalla collaborazione tra la Lega Navale Italiana Sezione di Lerici, l’Istituto di Istruzione Superiore “G. Cappellini - N. Sauro”, l’Istituto Comprensivo di Lerici ISA 10 e la Fondazione ITS Nuove Tecnologie per il made in Italy. A discutere del progetto saranno i rappresentanti dei diversi enti promotori. Modera l’incontro il giornalista Roberto “Beppe” Franzoni. 

Sabato 23 settembre, alle ore 11, sarà presentato per la prima volta al pubblico il museo marino virtuale “MetaSea”, progetto nato dalla cooperazione tra Digital Atom, Lega Navale Italiana Sezione di Acitrezza, Baxenergy e Università di Catania e finanziato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Parteciperanno all’evento Francesco Vacante e Federica Cutuli di Digital Atom e Agatino Catania, Delegato Regionale della LNI per la Sicilia Orientale e Presidente della Sezione LNI di Acitrezza. Presso lo stand, inoltre, sarà possibile provare i visori per la realtà virtuale e comprendere da vicino come le tecnologie possono migliorare la progettazione navale e la presentazione delle imbarcazioni. 

Domenica 24 settembre, alle ore 11, si terrà la prima presentazione del libro “Le bandiere marittime. Storia, etichetta e regole d'uso in crociera e in regata” (Nutrimenti editore, 2023), curato dal Centro Studi Tradizioni Nautiche (CSTN) della Lega Navale Italiana. Maurizio Elvetico, collaboratore del CSTN e autore del volume insieme a Paolo Rastrelli, ne discuterà con Antonio Cosentino, Direttore della rivista “Lega Navale.” 

Martedì 26 settembre, alle ore 11, Giuseppe Perrini, responsabile ufficio sport della Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana e coordinatore dei Centri Nautici Nazionali, presenterà i corsi nautici di vela, canoa e canottaggio, rivolti ai giovani dagli 8 ai 18 anni, che si svolgono presso i quattro Centri Nautici Nazionali della LNI a Ferrara-Lago delle Nazioni, Sabaudia-Lago di Paola, Taranto-Mar Grande e Belluno-Lago di Santacroce. 

È tutto pronto per la seconda edizione del Festival Nazionale delle Università, che si terrà dal 17 al 19 maggio 2023 all'Università degli Studi LINK di Roma. Le migliori eccellenze italiane del mondo accademico e degli esperti di settore, si confronteranno sul tema dell’intelligenza artificiale.
 
“Uomini e macchine intelligenti” sarà, infatti, il titolo della seconda edizione del Festival, che punta ad analizzare la simbiosi e le relazioni che si possono innescare tra intelligenza artificiale, lavoro e competenze. Una tre giorni di incontri, dibattiti, tavole rotonde, con relatori e addetti ai lavori che si confronteranno sull’interazione tra uomo e macchine e, al contempo, sull’impatto che tutto ciò ha e avrà sulla nostra società, comprese le competenze da formare per guidare responsabilmente questo processo.
 
Un programma ricco di contenuti e spunti, che si aprirà con i saluti istituzionali e la presentazione della seconda edizione del festival. Spazio poi al panel “L’Intelligenza Artificiale: garanzie, diritti e ricadute economiche”, che sarà seguito nel pomeriggio da un dibattito su “Diagnostica, assistenza, medicina di precisione” e da una tavola rotonda su “Gli impatti dell’Intelligenza Artificiale: lavoro, professioni e competenze”. La giornata si concluderà con l’incontro “Intelligenza Artificiale e professioni mediche”.
 
I lavori riprenderanno nella mattinata di giovedì 18 maggio con il panel intitolato “Robot non macchine: Intelligenza Artificiale e manufacturing” e proseguiranno con “Generazione Z e Intelligenza Artificiale” e “Intelligenza Artificiale e professioni della finanza”. Nel pomeriggio spazio a “Istruzione, Università e Intelligenza Artificiale: i produttori di contenuti e sapere”, oltre al focus su “Intelligenza Artificiale e professioni legali”. Chiuderà la seconda giornata il panel “Gaming, Metaverso e Realtà estesa”.
 
L’ultimo giorno di festival si aprirà con i dibattiti “Le frontiere dell’Intelligenza Artificiale: limiti, rischi e opportunità” e “La proprietà intellettuale nell’era delle macchine intelligenti”. Poi ancora un binomio IA/lavoro con “Intelligenza Artificiale e le professioni della cultura, della comunicazione, della creatività”. Prima delle conclusioni e dei saluti, gli ultimi due panel parleranno di “Hypernudging, algoritmi e le “spinte gentili” quali strumenti dell’Intelligenza Artificiale per l’innovazione sostenibile” e di “Gli spazi urbani alla prova dell’Intelligenza Artificiale”. Prima del brindisi conclusivo, verranno anche proposte delle esperienze di realtà aumentata.
Nato come appuntamento annuale dedicato agli Atenei italiani, il Festival vuole essere un’occasione di confronto tra Università, giovani e imprese finalizzato alla crescita economica e lo sviluppo culturale del nostro Paese, in linea con gli obiettivi del PNRR e l’Agenda ONU 2030.
 

Ancora un grande appuntamento che unisce sport e cultura, attraverso la realizzazione di eventi collaterali all’interno dello Sporting Club Monterosa Novara, che dal 2015 ha dato alla Regione Piemonte grande lustro nel settore dei concorsi di completo di equitazione, riportando il territorio novarese tra i protagonisti di questo sport.  

Un lungo weekend all’insegna dello sport internazionale con la tappa del Concorso di Completo e la tappa Mipaaft e una domenica - quella del 21 maggio – con il ritorno di un’iniziativa per gli amanti delle 4ruote. La manifestazione “Cavalli e…motori” unisce i “cavalli naturali” ai “cavalli meccanici” con un simpatico raduno di auto d’epoca che in questa edizione vede la collaborazione con l’Associazione “Ferri Vecchi”. 

Tutti i radunisti, che partiranno dallo Sporting Club Monterosa, potranno percorrere con le loro autovetture le splendide strade delle colline novaresi e faranno ritorno al centro ippico per essere accolte dal numeroso pubblico.  

“Un nuovo anno di grandi soddisfazioni …”, dichiara il Presidente dello Sporting Club Monterosa Novara Claudio Limontini, che aggiunge “il nostro Centro Ippico da, sempre, coniuga lo sport con gli eventi collaterali, poiché rappresenta non solo una grande opportunità di vivere giornate o weekend immersi nella natura, anche all’insegna del grande sport internazionale, ma perché offre la possibilità di conoscere ed appassionarsi ad un esemplare meraviglioso, quale è il cavallo, ed assistere a competizioni sportive di alto livello”.  

 

In questo magico Natale 2022, che per Il Regno di Babbo Natale segna il traguardo del decimo anno di meraviglia, le novità non mancano.

Nasce Elfidea, una linea di decorazioni unica ed esclusiva, che permette a chiunque di personalizzarla con il proprio nome o quello di chi si vuole sorprendere con un regalo speciale.

Sono decorazioni regalo pensate direttamente dagli Elfetti del Regno di Babbo Natale! Originali, bellissimi, adatti ad ogni occasione e soprattutto legati ai fantastici personaggi che popolano il Regno: dal 100% Elfet-to, all’Elfetta, a Steve il Candy Cane, ad Henry lo Schiaccianoci, Rudy e Lampo le Renne di Babbo Natale.

Un’idea regalo sicuramente innovativa, ma al tempo stesso un addobbo anche personale che può riempire l’albero, può essere appeso a qualsiasi parete, alle porte di casa. Insomma in ogni luogo dove l’atmosfera del Natale la si percepisce a ogni respiro.

Elfidea “rompe” gli argini, poiché per la prima volta questi prodotti originalissimi che sono l’emblema, il marchio indelebile del Regno di Babbo Natale, non saranno reperibili solo nella sede di Vetralla, o nella vendita online. Bensì in tutti i punti Leroy Merlin d’Italia, dove potranno essere tranquillamente trovati negli appositi espositori.

Un modo per tendere la mano a chiunque voglia la sua decorazione personalizzabile Elfidea e che magari per diverse ragioni non può raggiungere il Regno, e preferisca comunque poter scegliere il proprio articolo natalizio di persona.

Ma non solo, perché Elfidea propone anche una vasta serie di prodotti Natalizi con tutti i personaggi del Regno di Babbo Natale come: Jumpers (maglioni Natalizi), Cappellini, Calzette, Puzzles, Peluches, Pins da Collezione, Accessori per la Casa, Fashion Wear e decorazioni da appendere.

Elfidea è il primo passo verso una nuova era del Regno di Babbo Natale, che nel suo cammino continua comunque il suo ampliamento e la sua innovazione negli oltre 8000 mq ubicati in una delle più belle zone della Tuscia, e l’industrializzazione dei suoi prodotti originali. Perché Il Regno di Babbo Natale non è sem-plicemente un luogo incantato. Ma è il Natale, quello vero!

Un'occasione di confronto tra Università, giovani e imprese, per la crescita e lo sviluppo culturale del nostro Paese. È il Festival Nazionale delle Università, che si terrà dal 10 al 12 novembre 2022 a Roma alla Link Campus University.
 
L'obiettivo è quello di rappresentare un contesto di dialettica permanente in cui le Università, nel comprendere le esigenze delle imprese, aiutino i giovani a orientarsi nel mondo del lavoro, come cerniera ideale che contenga anche gli obiettivi dell'Agenda ONU 2030.
 
Ogni anno un tema caratterizzerà il Festival. Quest'anno il focus sarà sulla ''cultura digitale'', che ormai è diventato un tema centrale, anche in considerazione dei periodi storici e culturali vissuti. La cultura digitale è importante perché tutto ciò che ci circonda necessita o necessiterà di un’evoluzione, come è già avvenuto in vari ambiti. Per questo sarà sempre più indispensabile sviluppare e aggiornare le adeguate competenze e conoscenze.
 
Il FNU sarà suddiviso in panel, con spazi dedicati sia alla teoria che alla pratica. Verranno approfonditi temi come: l'importanza dell'energia sostenibile; il Deep web; lo sviluppo dell'arte digitale e degli NFT; lo sviluppo delle Start-Up e l'e-Commerce in Italia.
 
È importante evidenziare che il Festival ha già riscosso grande eco istituzionale ed internazionale, con l'adesione di Università internazionali come la John Cabot University.
 
Ha risposto immediatamente Alex Lightman, uno dei maggiori Blockchain Specialist nel panorama mondiale, attualmente CEO e fondatore di Praxis Digital, un'azienda di tastiere digitali per telefoni cellulari e il fondatore di Token Communities, che interverrà nel panel ''Ecosistema Blockchain'' venerdì 11 novembre.
 
Il Festival Nazionale delle Università ha instaurato una collaborazione con Next, Nuova Economia X Tutti, il più grande network di aziende, pubbliche e private nel panorama italiano, in quanto è tra gli organizzatori del Festival Nazionale dell'Economia Civile. Proprio la rete di Next coinvolgerà alcune delle eccellenze universitarie come l'Università degli studi di Tor Vergata e l'Università di Pescara.
 
Il Festival dell'Economia Civile, nei suoi quattro anni di vita, ha sempre posto l’attenzione sui giovani e sul loro rapporto con il mondo del lavoro. Il Festival Nazionale delle Università vuole sviluppare queste tematiche e mettere i giovani al centro di ogni attività che riguarda formazione, programmazione e inserimento nel mondo del lavoro. Ecco perché questa sinergia.

Il Sultanato dell'Oman è presente per la prima volta con il proprio Padiglione alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia aperta dallo scorso sabato 23 aprile fino al 27 Novembre 2022. La partecipazione del Sultanato è sotto il patrocinio di Sua Altezza Reale Sayyid Theyazin bin Haitham Al Said, Ministro della Cultura, dello Sport e della Gioventù.

La mostra inaugurale riunisce l'opera di tre generazioni di artisti omaniti il cui lavoro abbraccia cinque decenni dell'arte visiva moderna e contemporanea dell'Oman. Esplorando il dialogo dinamico e intergenerazionale del movimento artistico in Oman degli ultimi cinquant’anni, la mostra multimediale metterà in luce l'ampiezza della storia culturale dell'Oman e l'unicità delle sue tradizioni nell'ambito delle arti visive su scala internazionale. La partecipazione del Sultanato alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia, unitamente a una serie di programmi nazionali, è mirata a permettere alla cultura omanita di lasciare il segno sulla scena mondiale e locale.

Gli artisti invitati rappresentano un filo ininterrotto dell'influenza sull'arte omanita in un arco di tempo compreso tra gli ultimi cinquanta anni fino ai giorni nostri. Tra questi troviamo: Anwar Sonya, pioniere dell'arte moderna omanita dagli anni Settanta, co-fondatore dello Youth Studio, un'importante istituzione didattica; Hassan Meer, artista e fondatore del movimento artistico sperimentale The Circle Group, le cui mostre a partire dalla fine degli anni Novanta hanno ricevuto attenzione a livello internazionale e ispirato un'intera generazione di artisti; Budoor Al Riyami, allieva di Sonya e coetanea di Hassan Meer, il cui lavoro gravita attualmente attorno alla fotografia e alle video installazioni; Radhika Khimji, 'artista di fama internazionale che si interessa di tessuti, costruzione e racconti personali, che ha fatto parte del Circle Group, e Raiya Al Rawahi, curatrice e artista di punta della giovane generazione, scomparsa nel 2017 a soli trent’anni.

In occasione della partecipazione del Sultanato dell’Oman alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, il Ministero della Cultura, dello Sport e della Gioventù di Mascate lancerà un programma didattico, formativo e di sviluppo delle competenze rivolto alla comunità omanita locale, incluso il Programma di Borse di Studio a Venezia destinato a giovani omaniti dai diciotto anni in su, una serie di conferenze ed eventi su scala nazionale unitamente a pubblicazioni intese a documentare la storia dell'arte visiva omanita. Al termine della Biennale Arte 2022, la mostra e gli artisti selezionati parteciperanno a un tour in Oman inteso a sostenere le comunità locali, al fine di suscitare il loro interesse e coinvolgimento nei confronti dell'arte visiva e a promuovere la creatività locale sostenendone lo sviluppo futuro.

I più letti